fbpx
Gatti Franco

Gatti Franco

 

Insegnamenti (Sede di Padova)

  • Cultura e Civiltà Cinese (L-OR/21)

 

 

Email istituzionale

franco.gatti@ciels.it

 


PROFILO

 

Istruzione e formazione:

  • Dottorato di ricerca in Lingua, letteratura e storia cinese, IX ciclo, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Dissertazione finale: Taoismo e immortalità nei trattati di Wu Yun. Traduzione annotata dello Zongxuan xiansheng Xuangang lun e dello Shenxian ke xue lun;
  • Laurea in Lingue e Letterature Straniere, Corso di Laurea in Lingue e Letterature Orientali (Cinese), Università degli Studi di Venezia, 1988. Tesi di laurea: I diciannove canti per “Calcare il vuoto” di Wei Qumou (749-801).

 

Corsi di specializzazione:

  • 1991-1994 Corso di specializzazione presso l’Università di Kyoto, Research Institute for Humanistic Studies, borsa di studio concessa dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica;
  • 1991-1994 Seminari di ricerca presso la Scuola di studi sull’Asia orientale, Kyoto;
  • 1984-1986 Corso di specializzazione presso l’Università del Liaoning, Shenyang (RPC), Facoltà di Lingua e Letteratura Cinese, con borsa di studio erogata dal Ministero degli Affari Esteri.

 

Attività didattiche:

  • 2004 ad oggi, Professore associato confermato per il settore scientifico disciplinare L-OR/21 (Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia Sud-orientale), Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea.
  • 2004-2008, Professore associato confermato, Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori, Dipartimento di Scienze del Linguaggio, dell’Interpretazione e Traduzione, Università di Trieste;
  • 2001-2004, Professore associato, Università di Trieste;
  • 1997-2001, Professore a contratto, Università di Trieste e Università Ca’ Foscari  Venezia.

 

Progetti di ricerca:

  • “Aspetti culturali della burocrazia tra stato e città”, PRIN 2005;
  • “Edizione, filologia, informatizzazione: alcuni casi concreti (Cina, Antico Egitto, ’700 veneziano)”, PRIN 2003;
  • Responsabile per l’anno finanziario 2002 della ricerca “Specificità del testo orale cinese: analisi linguistica finalizzata all’interpretazione”, finanziata dall’Ateneo di Trieste (ex 60%);
  • 1997, “Il lessico metafisico e cosmologico nella filosofia cinese”, Fondo di Ateneo, Università Ca’ Foscari di Venezia;
  • 1991-1994, Ricerca triennale di dipartimento (ex fondi 60% del M.U.R.S.T.) “Terminologia metafisica e cosmologica nella filosofia cinese”, presso il Dipartimento di Studi Asiatici, Istituto Univ. Orientale di Napoli;
  • 1991, “Dottrina e applicazioni nel Taoismo cinese: indagine sulla terminologia dottrinale e tecnica nelle scritture taoiste” (contributo del C.N.R. presso l’Is.M.E.O. di Roma);
  • 1989-1991, “Questioni di terminologia nella letteratura taoista cinese” presso il Dipartimento di Studi Asiatici, Istituto Univ. Orientale di Napoli (ex fondo 60% del M.U.R.S.T.).

 

Pubblicazioni:

  • “Indagine preliminare su caratteristiche lessicali e stilistiche del Xuanshi zhi 宣室志 (Cronache della Sala della proclamazione)”, in Magda Abbiati, Federico Greselin (a cura di), Lingua cinese: variazioni sul tema, Edizioni Ca’ Foscari, 2015, pp. 123-143;
  • “Tao”, in Enciclopedia italiana di scienze, lettere e arti. Nona appendice, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 2015, pp.630-631;
  • “Teratofilia e antropofilia. I rapporti tra creature soprannaturali ed esseri umani narrati nel Xuanshi zhi 宣室志” in Magda Abbiati, Federico Graselin (a cura di), Il liuto e i libri. Studi in onore di Mario Sabattini, Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, 2014, pp. 391-405;
  • “Canone taoista” in A. Melloni, Dizionario del sapere storico-religioso del Novecento, Bologna, Il Mulino, 2010, vol. 1, pp. 251-261;
  • “La capitale verso Occidente” in F. Crevatin, I luoghi della mediazione. Confini, scambi, saperi, Trieste, Deputazione di storia patria per la Venezia giulia, 2009, pp. 249-259;
  • “Interpretare l’altro, interpretare se stessi: alcune considerazioni sulla Cina e gli interpreti” , in A. Palermo, La Cina e l’Altro, Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, 2007, pp. 385-396;
  • “Etichetta e consuetudini negli incontri d’affari” in M. Abbiati, Propizio è intraprendere imprese. Aspetti economici e socioculturali del mercato cinese, Venezia, Cafoscarina, 2006, pp. 187-198;
  • “Una introduzione al Xuangang lun (Trattato sui fondamenti del Mistero) di Wu Yun” in F. Crevatin et al., Il testo in Asia e Africa. Produzione, trasmissione, fruizione, Venezia, Cafoscarina, 2006, pp. 107-120;
  • “I Quattro canuti del Monte Shang: eremitaggio e impegno politico in una poesia di Wei Qumou (749-801)” in M. Scarpari; T. Lippiello, Caro Maestro… Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l’ottantesimo compleanno, Venezia, Cafoscarina, 2005, pp. 595-604;
  • “La spada nella gerarchia dei cavalieri immortali. Considerazioni su di un passo del Zhen longhu jiuxian jing” in G. Tamburello, L’invenzione della Cina, Galatina, Congedo Editore, 2004, pp. 9-18;
  • A. Cadonna, F. Gatti (a cura di), Cina: miti e realtà, Atti del convegno dell’Associazione Italiana Studi Cinesi, Venezia, 21-23 Maggio 1998, Venezia, Cafoscarina, 2001;
  • “L’immortalità si può apprendere. Lo Shenxian ke xue lun di Wu Yun, in Asiatica Venetiana, 4 (2001), pp. 111-131;
  • “L’armonia prima del male nel taoismo religioso” in M. Raveri, Del Bene e del Male, Venezia, Marsilio, 1997, pp. 213-228;
  • Zhao Xiuying; Franco Gatti, Dizionario compatto cinese-italiano, italiano-cinese e conversazioni, Bologna, Zanichelli, 1996;
  • “A proposito del mago Ye Jingneng (?-710): una lista annotata delle fonti storiche con una traduzione di passi scelti”, in Cina, 23 (1991), pp. 117-139.